Dove vanno a finire le parole e i gesti che non ci possiamo concedere di dire e agire, i modi di essere che non possiamo vivere, i desideri che non possiamo esaudire?

 

Per la psicanalisi vanno a finire in quella zona d'ombra chiamata INCONSCIO, un luogo senza spazio e senza tempo dal quale, quando la nostra coscienza allenta la vigilanza, appaiono quegli antichi desideri e quelle antiche angosce rimosse. Attraverso sogni, lapsus e attraverso la creatività.

 

Il Festival dell'inconscio, in questa sua Prima Edizione, dedica la giornata del 15 settembre a questo tema su cui la psicologia riflette da più di un secolo, da quando Freud, padre della Psicanalisi, formulò questa nozione.

 

Un programma articolato in seminari e occasioni di ascolto e dibattito insieme al Presidente della Società Psicoanalitica Italiana, laboratori artistici ed emozionali con gli studenti delle nostre Scuole e musica, con un concerto per piano solo, a conclusione della giornata.

 

"L’interpretazione del sogno è la via regia che porta alla conoscenza dell’inconscio nella vita psichica."
Sigmund Freud, 1900

VENERDI' 15 SETTEMBRE 2023 - FESTIVAL DELL'INCONSCIO

Notizie

Avvisi

Eventi

Agenda

Febbraio 2024
L M M G V S D
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29
Torna all'inizio del contenuto